Come curare il giardino: la tosatura del manto erboso

Come curare il giardino: la tosatura del manto erboso
 

Avere un giardino in casa è sicuramente un punto a favore per il proprio relax: una cena, una serata o più semplicemente una pausa circondati da un manto erboso curato è quanto di più rilassante possa esistere per riconciliarsi col mondo dopo una giornata di lavoro.
Tuttavia impone un impegno costante per riuscire a mantenerlo sano, confortevole e gradevole alla vista: ecco allora qualche consiglio per la cura del vostro angolo verde.
 

LA SCELTA DEL TAGLIAERBA

Quando comprate un tagliaerba dovete prima di tutto valutare le vostre esigenze: partire dalla tipologia di tappeto erboso è un ottimo inizio. 

Rasaerba con lama rotanteSe per esempio avrete a che fare con un manto costituito dal genere Lolium o Festuca, la cui altezza deve essere pari indicativamente a 3,5 cm, saprete già che il rasaerba di riferimento dovrà montare una lama rotante; questi tipi di rasaerba sono i più maneggevoli, molto semplici da utilizzare e soprattutto a buon mercato. 
Sono disponibili sia ad alimentazione elettrica che a motore a scoppio. 

Per evitare i lavori di raccolta dell’erba tagliata in commercio esistono alcune varianti, che prevedono l'apposito vano raccoglitore oppure la funzione mulching: in quest'ultimo caso gli steli d’erba potranno essere lasciati sul prato perché il taglio li sminuzza finemente ed essendo molto piccoli si degraderanno rapidamente trasfomandosi in humus.
 

Rasaerba lama elicoidaleI tappeti erbosi pregiati, invece, costituiti da erbe più fini come Agrostis la cui altezza ideale è fra 1,5 e 3 cm, avranno bisogno di un rasaerba che sia munito di lama elicoidale.
E’ bene ricordare che se si acquista un tagliaerba con quest’ultimo tipo di lama si dovrà effettuare più lavoro di manodopera poichè la frequenza del taglio sarà più elevata. 
In commercio si trovano generalmente a spinta manuale, anche se ne esistono ad alimentazione elettrica o a scoppio.


IL TAGLIO DEL MANTO ERBOSO

Il taglio regolare del manto erboso è fondamentale per varie ragioni ed è sempre consigliabile tagliare l’erba poco e spesso piuttosto che tutta in una volta: l'alta frequenza del taglio, infatti, stimola la crescita delle graminacee e le rende più comode al calpestamento, più belle alla vista e soprattutto più fitte. 

Chiaramente se in autunno e in inverno le operazioni di sfalciatura saranno ponderate all’occorrenza, durante il periodo primaverile/estivo in cui l’esposizione alla luce è maggiore il tappeto erboso crescerà più rapidamente e quindi sarà necessario intervenire più spesso.

Per ogni intervento di taglio è buona regola accorciare lo stelo indicativamente di due terzi: a circa metà estate invece è possibile lasciare l’erba un po’ più alta in quanto più resistente ai periodi di siccità.

La tosatura incide moltissimo sulla bellezza e sulla salute del tappeto verde, e ci sono alcune regole basilari che devono essere rigorosamente rispettate:

1. Mai sfalciare il prato quando il terreno è ancora bagnato ma nemmeno quando è troppo secco e asciutto;

2. il momento ideale della giornata è il pomeriggio, dalle 17 in poi;

3. la lame devo essere sempre perfettamente affilate, soprattutto se sono lame orizzontali (rasaerba rotativo);

4. quanto più il taglio è impreciso, tanto più le foglioline appariranno sfrangiate, brutte e attaccabili da spore fungine;

5. rispetto all’intervento precedente sarebbe bene cambiare la direzione della tosatura, preferibilmente perpendicolare alla precedente.
 

Nei prossimi giorni vi daremo altri consigli per la cura del vostro giardino: continuate a seguirci.
 

PRODOTTI CORRELATI:

 

Richiedi informazioni  

 

ferramenta Arturo Mancini

 

 

Articoli correlati
Scarica subito il tuo buono sconto!
visita il nostro blog
Sfoglia il Prontuario Siderurgia
Sfoglia il catalogo Termoidraulica
Scarica subito il tuo buono sconto!
visita il nostro blog
Sfoglia il Prontuario Siderurgia
Sfoglia il catalogo Termoidraulica